Avvertenze stampa

Avvertenza!

La stampa di questo contenuto dal sito web non costituisce copia autentica.

L'efficacia probatoria del documento informatico è disposto dell'art. 21 del CAD: "1. Il documento informatico, cui è a pposta una firma elettronica, sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualit&agrav; sicurezza, integrità e immodificabilità ... [...]"

La validità del documento sul sito web è garantito dal certificato crittografico di firma presente in tutte le pagine web. Ogni volta che avviene una conversione di forma (esportazione, stampa della pagina, copia del testo, ecc) il documento risultate non è più firmato, quindi, tutte le copie perdono ogni validità legale.

Le copie non hanno alcun carattere di ufficialità o validità legale, per diffondere informazioni pubblicate sul sito web si può procedere in due modi:

  1. diffondere e/o memorizzare l'url del contenuto che si intende salvare;
  2. un notaio può rilasciare la copia conforme di una pagina web, infatti, tale operazione deve essere adattata alla tipica attività notarile di rilasci o di copie, individuando gli elementi caratterizzanti tale tipologia di documento informatico dal punto di vista della sua realtà fenomenica.

Musica

"Con lo stesso amore è il titolo del recital del nostro plesso. Gli alunni hanno dedicato questo spettacolo a tutte le mamme. Una piccola rappresentazione, in cui le bambine, hanno ricoperto il ruolo di "mamme" di varie epoche e vari Paesi del mondo. Tutti gli alunni hanno poi continuato con poesie, balletti e canzoni.

Festa del Papà 2017

Auguri ai nostri Papà... I bambini delle classi II C e II D del plesso Marvasi dell'Istituto Comprensivo Marvasi-Vizzone di Rosarno (RC) hanno realizzato un lavoretto per la festa del papà.

Il 17 marzo è la Giornata Mondiale del Sonno. Per i bambini, soprattutto quelli in età scolare, il sonno è un momento cruciale, poiché fortemente legato ad una corretta crescita psicofisica (mentre si dorme entra in azione L'Ormone della Crescita). Il mondo della pediatria  è quindi concorde nel dosare la quantità minima di sonno necessario per un corretto sviluppo.

Per i bambini da 6 a 13 anni la finestra di tempo ottimale da dedicare al sonno è di 9  11 ore al giorno.

Durante il riposo, il cervello continua a lavorare, cercando di trasformare la memoria a breve termine in memoria a lungo termine, favorendo perciò le capacità cognitive.

 Da uno studio della MC GILL UNIVERSITY è emerso infatti che il semplice aumento di 18 minuti di sonno per notte, porta dopo soli 5 giorni, ad un sensibile miglioramento delle facoltà di APPRENDIMENTO.

I ricercatori hanno coinvolto bambini di 7 -11 anni in un programma di apprendimento per valutare L' impatto del Sonno sul rendimento SCOLASTICO.

Dalle informazioni raccolte, gli esperti hanno rilevato che il prolungare di poche ore il sonno del bambino ha portato a migliori voti nella pagella scolastica.

 Io , nella mia lunga esperienza scolastica , ho constatato che dei bambini a volte , appena arrivati , poggiano la testa sul banco e questo avviene anche per l' uso di tablet e cellulari, che  incidono  nei disturbi del disturbi del sonno con ricadute sulle loro facoltà, attentive. In quei casi ho cercato con tutti i mezzi a disposizione di rendere la lezione il più vivace possibile, per attirare l'attenzione di qualche piccolo dormiente anche con musica allegra,e

con giochi che coinvolgessero tutti gli alunni.

 Credo che sia importante il rapporto genitori insegnanti , soprattutto per suggerire loro comportamenti e regole da mantenere costantemente. E, soprattutto far sì che il bambino , la sera ,vada a letto presto e accertarsi che dorma e non che giochi con video-games o con altri strumenti elettronici.

 Ho utilizzato, con successo,  Edueto, una risorsa didattica per realizzare, in modo pratico e veloce, prove personalizzate con  valutazione automatica. Consente di gestire classi virtuali attraverso una piattaforma on line facilissima da usare e di proporre verifiche di diversa natura (quiz a risposta multipla, gap filling, matching, writing, sorting, pictag, esercizi matematici ...). 

Ho iniziato assegnando un sempilice test ai miei alunni di terza A, plesso Carretta, e, con una veloce registrazione, solo nickname e password, con il loro pc, tablet o anche smartphone, hanno potuto interagire ed effettuare il lavoro proposto, con correzione automatica ed invio in tempo reale alla classe di appartenenza. 

La classe VA  ha portato in scena uno spettacolo natalizio  trattando un tema particolarmente sentito e attuale: l'immigrazione.

Ieri,19/ 12/ 2016, le quarte classi della scuola primaria G. Carretta,hanno messo inscena il loro lavoro Natalizio.

L'argomento principale, che noi maestre prevalenti abbiamo presentato preliminarmente, è stato l'immigrazione, soprattutto quella dei bambini , che scappano dalle loro terre perennemente in guerra..la drammatizzazione è iniziata con un video "Buon Natale di pace".

 Caro Gesù ti scrivo è una lunga lettera che si snoda in dialoghi, riflessioni, pensieri,poesie di Madre Teresa di Calcutta, Karol Woitila, Mahatama Ghandi e Gianni Rodari. I bambini sono stati bravissimi. La nostra recita si è conclusa con una Ninna Nanna di pace, cantata a luci spente mentre i bambini facevano oscillare delle lucine colorate  creando un' atmosfera suggestiva.

Siamo in fase di preparazione della recita di Natale "Caro Gesù ti scrivo"

Questa piccola rappresentazione nasce da argomenti di attualità affrontati in classe. L'argomento cui ci riferiamo è l'arrivo di immigrati sulle nostre coste. Il lavoro scaturisce dalle loro domande, riguardanti soprattutto i bambini che fuggono dai loro paesi in guerra.Cosa fanno questi bambini quando approdano su barconi molto precari? Dove vanno se i genitori li hanno persi durante il viaggio ?

Così noi insegnanti abbiamo cercato di dare delle risposte ovviamente le meno sconvolgenti con video e immagini, abbiamo parlato dei volontari dei centri di accoglienza, da qui l'idea di mettere tutto in scena.

Gli alunni della III A della Scuola Primaria "G. Carretta" di San Ferdinando, hanno affrontato in classe l'argomento  dei rifiuti , guidati dalla loro insegnante Spanò Giuseppa.

L'obiettivo è quello di costruire le basi di una cultura diversa nei confronti di questa tematica. Il problema è attuale  coinvolge tutti i cittadini, per questo deve essere affrontato anche dalla scuola.

Ogni giorno gli abitanti delle città producono un'enorme quantità di rifiuti, i quali, sono composti da materiali diversi. Si calcola che ciascuno di noi ne produca quotidianamente  circa mezzo chilogrammo.Sembra una piccola quantità , ma,sommata con quella di altri cittadini , diventa una "montagna". Lo smaltimento dei rifiuti rappresenta quindi un problema piuttosto serio. Attualmente si sta diffondendo la tendenza  di effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, trasformando così quello che è stato definito un problema in una risorsa. Anche il nostro paese è impegnato in questo sforzo civile.

Quest'anno si celebra il 71° anniversario della fine del ventennio fascista e con i bambini abbiamo ripercorso la storia del nostro Paese.

Abbiamo studiato i cambiamenti socio- politici che hanno portato alla Costituzione e quindi alla democrazia , alla libertà e ai diritti di tutti.

SAN FERDINANDO - Dal laboratorio teatrale un'opera fantastica inscenata da giovani attori, gli alunni della Scuola secondaria di 1° grado "M. Vizzone", che trae spunto dall'esistenza del fiume Mesima e dei suoi favolosi "abitanti" per giungere alla conclusione della necessità di salvaguardare l'ambiente, degradato per l'incuria degli uomini del nostro tempo.