Avvertenze stampa

Avvertenza!

La stampa di questo contenuto dal sito web non costituisce copia autentica.

L'efficacia probatoria del documento informatico è disposto dell'art. 21 del CAD: "1. Il documento informatico, cui è a pposta una firma elettronica, sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualit&agrav; sicurezza, integrità e immodificabilità ... [...]"

La validità del documento sul sito web è garantito dal certificato crittografico di firma presente in tutte le pagine web. Ogni volta che avviene una conversione di forma (esportazione, stampa della pagina, copia del testo, ecc) il documento risultate non è più firmato, quindi, tutte le copie perdono ogni validità legale.

Le copie non hanno alcun carattere di ufficialità o validità legale, per diffondere informazioni pubblicate sul sito web si può procedere in due modi:

  1. diffondere e/o memorizzare l'url del contenuto che si intende salvare;
  2. un notaio può rilasciare la copia conforme di una pagina web, infatti, tale operazione deve essere adattata alla tipica attività notarile di rilasci o di copie, individuando gli elementi caratterizzanti tale tipologia di documento informatico dal punto di vista della sua realtà fenomenica.

Sostegno

Aspettare il Natale intonando melodie capaci di trasmettere la magia di questo periodo. Gli alunni e le insegnati delle classi 3^ A-B-C-D augurano a tutti voi Buone Feste. 

La magia del Natale... attraverso un percorso suggestivo organizzato dal comune di Roccella Jonica che ha fatto emozionare insegnanti e bambini delle classi 3^ A-B-C-D scuola primaria plesso Marvasi. Guardarsi intorno e assaporare ogni angolino di un luogo così magicamente ricreato per suscitare stupore e coinvolgere profondamente nello spirito natalizio chi lo osserva con incanto.

TANTISSIMI AUGURI MAMMA...
Gli alunni delle quinte A & B, del plesso "Carretta", hanno realizzato un biglietto con la  gomma crepla per fare gli auguri alla propria mamma...

Vivo in un piccolo mondo tutto mio, un mondino fiorito e colorato la cui lingua è il linguaggio del cuore. La chiave della sua porta d'accesso è l'amore. Amami, solo così mi capirai e imparerai come farti capire da me.” (J. P. MALFATTI)

... E gli alunni della classe V A del plesso "Marvasi" lo hanno capito  e con l'amore incondizionato verso il loro compagno "speciale" hanno imparato a capirlo e a farsi capire.

Allora perché, in occasione della Giornata Mondiale della consapevolezza dell'autismo che ricorre il 2Aprile, non dar voce al loro cuore?

Gli alunni, guidati dalla docente di sostegno, sono stati invitati ad esprimere ,oralmente prima e per iscritto poi,  ciò che in realtà esprimono quotidianamente attraverso il linguaggio "del cuore" fatto di gesti d'amore, di comprensione, di disponibilità,di ...inclusivitá.

Rendono ,infatti, ogni loro giornata scolastica un'occasione di crescita personale.

L'attività ha preso avvio da una domanda guida posta dalla docente allo scopo di stimolare le riflessioni degli alunni : "Cosa rende il vostro compagno "speciale"?

Le risposte sono state diverse ma tutte con un unico comune pensiero alla base: "La sua presenza in classe ha arricchito tutti!"

Successivamente i pensieri esposti oralmente sono stati trascritti su dei palloncini di carta colorati di blu (colore scelto per la giornata della consapevolezza dell'autismo) e poi assemblati ed incollati in un cartellone murale, frutto di un lavoro di gruppo a cui TUTTI hanno dato un contributo...

NESSUNO ESCLUSO!

"Ho un grande desiderio, quello di indossare l'abito di un eroe, ma quello di mio padre mi sta grande"

Il 19 marzo si festeggia San Giuseppe, ma per i bambini, è più attraente la festa del papà, celebrata in contemporanea.

Il progressivo coinvolgimento della donna nel mondo del lavoro, l'ha proiettata fuori della famiglia con la conseguenza che la cura dei figli,tradizionalmente affidata alla mamma, è diventata nel tempo un'attività condivisa con il marito. Il maggiore contatto con il padre, ha avuto senz'altro una valenza positiva. 

Gli psicologi sono d'accordo nel sostenere che questo maggiore contatto contribuisce ad un più equilibrato sviluppo psicofisico. Il senso di protezione e di forza che la figura paterna trasmette al bambino rafforza la sua autostima, condizione determinante nel processo di apprendimento.

Per festeggiare il papà, che rappresenta per ogni bambino il suo campione, abbiamo realizzato un coppa con del cartoncino marrone e giallo, usando colla e forbici per assemblare i vari pezzi.

Ecco la Coppa realizzata dai bambini della quarta B,in occasione della festa del papà Abbiamo usato cartoncini in formato A 4 , ritagliato lungo dei tratteggi ,piegati nelle parti seghettate , e assemblate con colla a caldo. Il supporto porta coppa è rimasto aperto da un lato e lì i bambini vi hanno infilato i loro affettuosi pensieri. La coppa completa  è stata imbustata con carta  trasparente e fermata com un piccolo cuore.

Biblio Pride 2016

Giorno 01 Ottobre 2016 i bambini delle classi 2A, B, C e D del plesso Marvasi in occasione della 5° Giornata Nazionale della Biblioteca ,si sono recati presso la Mediateca Comunale F. Foberti di Rosarno ed hanno partecipato al “Biblio Pride 2016“.

I bambini insieme alle insegnanti Di Tommaso Maria Giuseppina, Grio Bellezza Marina, Pacilè  Maria Teresa, Camera Antonietta, Caprino Adalgisa, Busceti Angela, Amoroso Luisa, sono stati accolti dalla Dott.ssa Tutino Giovanna che ha presentato i locali, fatto visitare la Mediateca,  ha spiegato loro cos’è una biblioteca e cosa fare per prendere un libro in prestito; successivamente i bambini  sono stati lasciati liberi di scegliere un libro, sfogliarlo e leggerne alcune pagine.

Tutti insieme, infine, sono stati protagonisti di un “flash mob” organizzato in contemporanea a tutte le biblioteche d’Italia, alzando i loro libri, all’unisono hanno gridato “VIVA I LIBRI!!!”, grido vivace e gioioso che ha reso i bambini partecipi di una giornata importante per la cultura, finalizzata a sensibilizzarli fin dalla più tenera età alla lettura dei libri e alla frequentazione della biblioteca come luogo di scambi culturali, lettura, studio e ricerca.

Il laboratorio di lettura è sicuramente uno degli spazi più importanti da progettare nella scuola primaria e specie in classe prima, per far si che gli alunni imparino ad amare i libri e che la lettura divenga per loro un’abitudine quotidiana. L’adulto che legge a voce alta per un bambino stabilisce con lui una relazione emotiva speciale perchè gli trasmette fiducia e disponibilità, lo guida ad esplorare il mondo, le emozioni, le avventure che escono dalle pagine del libro letto. Mentre legge, l’adulto sollecita il bambino a cogliere sempre nuovi aspetti del reale e ogni lettura porta con sé momenti di crescita, di rottura dell’ordine precedente per ricostruirne uno nuovo. Dal punto di vista linguistico, la lettura permette di ampliare le conoscenze e la costruzione di un pensiero via via più astratto.Infine, ascoltare con i compagni crea un ambiente di legami emotivi tra bambini, di capacità di stare insieme per uno scopo comune. Condividere esperienze è una delle principali opportunità di creare un ambiente sociale positivo, che supera le differenze nell’obiettivo comune.

Partendo dal volumetto “Ada va nel bosco” di Francesco Altan, l'insegnante Fava Carmela ha proposto agli alunni della classe I D un’attività di osservazione, ascolto, dialogo e drammatizzazione, seguita da una fase laboratoriale in cui gli alunni hanno dovuto apportare un personale contributo alla realizzazione di un cartellone.

Le fasi di lavoro sono state le seguenti:

-  Lettura e analisi del libro "Ada va nel bosco" in Circle Time;

- Drammatizzazione della storia letta con personaggi realizzati tridimensionalmente con cartoncino;

- Realizzazione di un cartellone murale utilizzando materiali diversi con la metodologia del Cooperative  Learning;

- Realizzazione da parte di ogni alunno della propria "Ada" con cartoncino.

 

Gli allievi della Scuola Primaria “G. Carretta”, magistralmente guidati dai docenti, con musiche, canti, recite e poesie, hanno  inneggiato il Santo Natale. Nella voce dei bimbi è racchiusa la Poesia del Natale: dai loro canti, dalle loro parole scorre la bontà, che come fiume d’amore rompe gli argini della diffidenza, donando un sussulto d’incanto anche a chi ha dimenticato il proprio candore. Si ringrazia il Dirigente Scolastico, Nicolantonio Cutuli, sempre presente.